• Home
  • Cultura
  • Castellabate, Giornate Europee del Patrimonio 2011: aprire i musei per aprire la mente

Castellabate, Giornate Europee del Patrimonio 2011: aprire i musei per aprire la mente

di Emilia Di Gregorio

È un’iniziativa pan-europea quella che prenderà il via a Castellabate la prossima domenica e fa parte di un’interessante e intensa azione di promozione comune del Consiglio d’Europa e della Commissione Europea  al fine di valorizzare il nostro patrimonio architettonico e culturale inteso come “mezzo di reciproca conoscenza e comprensione tra i popoli”. Portare milioni di visitatori presso i siti di interesse storico-culturale che aprono le porte ai cittadini e favorire gli scambi interculturali tra le nazioni e la coesione sociale sono le solide fondamenta della manifestazione istituita nel 1954 che interessa l’Italia con l’ormai consolidato slogan “L’Italia tesoro d’Europa”, ma coinvolge anche altri 49 stati europei. L’evento è promosso dalla Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Campania, organizzato a Castellabate dall’Istituto Italiano dei Castelli in collaborazione con il Comune di Castellabate.
Con queste due giornate, il 25 e il 26 settembre, si punta alla promozione dei siti storici del territorio cilentano : lungo le cose e nell’entroterra sono presenti diverse torri di varia mole e di varia fattura e di questo immenso valore storico-ambientale si parlerà nel convegno “CASTELLI E LUOGHI FORTIFICATI DEL CILENTO – Stato e prospettive”. Concrete prospettive di realizzazione di un itinerario di recupero, valorizzazione e fruizione delle opere fortificate del territorio, protezione dal degrado e dai danni, investimento nel patrimonio per la rigenerazione delle città sono questi alcuni degli argomenti che verranno trattati. L’organizzazione e il coordinamento scientifico del convegno sono stati curati dall’archeologo Antonio Capano e dall’architetto Giuseppe Ianni.  Il programma della giornata del patrimonio a Castellabate è il seguente:
ore 10.00 incontro sul belvedere di Castellabate per la visita guidata al “Castrum Abbatis” a cura della Coop. Sociale “Castrum Abbatis”
ore 12,00 illustrazione della mostra sulle torri costiere del Viceregno di Napoli curata dall’architetto Lorenzo Santoro, e dei modelli in scala realizzati da Domenico Mondelli di Castellabate
ore 17.00 apertura del convegno a cura di Antonio Capano e Giuseppe Ianni. Dopo i saluti del Sindaco di Castellabate Costabile Spinelli, del presidente del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano e Alburni Amilcare Troiano e di Claudio Pisapia delegato provinciale Unesco, interverranno Luisa Maiuri, assessore alla Cultura del comune di Castellabate, e Luigi Maglio, presidente Istituto Italiano Castelli. Seguiranno le relazioni: prof. Fernando La Greca – “Fortificazioni nelle carte aragonesi”; dott. Pasquale Giuliani Mazzei – “La fortificazione di Corbella”; Ernesto Bianco, archeologo – “Il sito medievale di Gioi”; Emilio Buonomo, architetto – “Le fortificazioni di San Severino di Centola”; prof. Gennaro Malzone – “Le torri e le fortificazioni di Castellabate”. Per le conclusioni interverrà l’architetto Giovanni Villani della BAPPSAE di Salerno. Durante l’incontro Gianfranco Morra e La Compagnia del Sorriso di Agropoli proporranno alcuni intermezzi musicali e la lettura di brani collegati alla storia del Cilento.
 Sarà possibile fare visite guidate su prenotazione (tel. 0974 968216 / fax 0974 1930155, orario visite 10.00 – 13.00) al centro medievale di Castellabate con ingresso al castello e illustrazione della mostra sulle torri costiere vicereali con modelli in scala di Domenico Mondelli e tavole di Lorenzo Santoro.


©

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019