• Home
  • Cultura
  • “Il riposo delle sirene”, a cura della galleria di arti contemporanee Numen_ Benevento.

“Il riposo delle sirene”, a cura della galleria di arti contemporanee Numen_ Benevento.

di Federico Martino

Sul molo e sulla spiaggia della citta’di Marina di Camerota ci sarà nell’ambito del "Meeting del mare" la mostra "Il riposo delle sirene", a cura della galleria di arti contemporanee Numen_ Benevento.  E’ il primo step di un progetto itinerante  che si propone di avere altre fermate la prima delle quali, questa, prevede la partecipazione di 15 artisti italiani e stranieri che, attraverso la propria ricerca ed i propri linguaggi, daranno vita ad una cittadella dell’arte concepita nella contemporaneità liquida, come spesso viene definita la nostra società, e che in questo suo essere liquida e quindi in perenne movimento, possa ricercare la leggerezza e nello spostamento adeguarsi a spazi unici, non convenzionali all’arte e trasformarli.
L’evento in questo suo primo opening avrà luogo sul molo e sulla spiaggia della citta’di Marina di Camerota, nei giorni 28/29/30 maggio 2010 in un totale rapporto osmotico delle opere realizzate site specific dagli artisti invitati con la sabbia ed il mare ed il porto della città, intesi come uno spazio aperto in cui tutto diviene centrale, ed il lavoro degli artisti ridefinisce un angolo del nostro mondo scevro da contaminazioni artificiali, in cui persone fisiche ed opere d’arte possano dialogare da vicino, in maniera semplice, diretta, con gli elementi naturali che costituiscono lo spazio stesso.
Gli artisti presenti sono Antonella Romano, Ludovica Aria, Francesca Capasso, Adelaide Di Nunzio, Luca Carnevale, Mina Cusati, Ali’ Nassereddine, Jawnette Poe & Alessandro Fonte, Stefania Leone,  Carolina Ciuccio & Sofia Scarano, Giuditta Nelli, Milot Alfred Mirashi, Artan Shabani, ciascuno dei quali secondo il proprio sentire, le proprie esperienze personali e professionali, ha percepito il litorale di Marina di Camerota, filtrandolo attraverso i parametri della leggerezza e dello spirito del movimento, creando un’istallazione capace di dialogare con le anime, con i corpi, con il mare, con le coste, con i suoni del festival meeting del mare.

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019