• Home
  • Cronaca
  • Castellabate, Poste a rilento: Rizzo scrive al direttore

Castellabate, Poste a rilento: Rizzo scrive al direttore

di Antonio Vuolo

Ieri il sindaco di Castellabate, Marco Rizzo ha inviato una richiesta al direttore di Poste italiane. Oggetto di tale richiesta è il potenziamento del personale in servizio presso l’ufficio postale a Castellabate Capoluogo. Diverse le criticità riscontrate a causa dell’operatività di un solo sportello su due che, determina lunghe attese (all’esterno, a causa dello spazio limitato all’interno e delle attuali disposizioni anti covid), anche per semplici operazioni. Altra problematica sollevata dalla cittadinanza è l’insufficienza di liquidità da parte dell’ufficio che non consente operazioni di prelievo. Necessario risulta essere un intervento per potenziare il personale allo sportello e per rendere l’ufficio assolutamente efficiente. “Questa richiesta era doverosa. E’ impensabile che l’ufficio postale di Castellabate Capoluogo goda dell’operatività di un solo sportello. È necessario un potenziamento del personale agli sportelli. È parimenti impensabile che questo ufficio non sia completamente efficiente per i servizi che non riesce a garantire ai suoi fruitori. Garantire l’efficienza dei servizi sul territorio è il nostro obiettivo, e continueremo ad adoperarci affinché lo siano”, afferma il sindaco Marco Rizzo.

©Riproduzione riservata




A Cura di

Antonio Vuolo

Giornalista e comunicatore per passione e per professione da ormai oltre 10 anni, se non ho perso il conto. Il segreto? Avere dentro di sé sempre la stessa curiosità di un bambino. Mi appassionano i temi legati soprattutto alle questioni di attualità, allo sport, al territorio. Quando non sto con una penna in mano o una telecamera davanti, potete “trovarmi” in giro in qualche angolo del Cilento o del mondo, oppure più semplicemente in un bar a sorseggiare un calice di vino con gli amici.
Tutti gli articoli di Antonio Vuolo

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019