• Home
  • Cronaca
  • E’ rottura tra Asl Salerno e sindacati: «Basta illazioni, serve discontinuità»

E’ rottura tra Asl Salerno e sindacati: «Basta illazioni, serve discontinuità»

di Maria Emilia Cobucci

«La replica del Direttore Generale alle legittime rivendicazioni delle Organizzazioni Sindacali è priva di senso e dimostra come non ci siano motivazioni valide e strutturate dietro la scelta di evitare il confronto con le rappresentanze dei lavoratori. Il Direttore dell’ASL avrebbe fatto meglio a continuare a dormire il sonno dei giusti che svegliarsi e fare illazioni di cattivo gusto. Infatti dal chiuso della sua stanza non si è reso conto che tutte le organizzazioni sindacali confederali hanno indetto lo stato di agitazione, in previsione dell’organizzazione di una giornata di sciopero e quindi se interlocutori preferenziali potessero esserci stati, lo sarebbero stati tutti». Lo dichiarano in una nota i Segretari Generali di CGIL FP- CISL FP – UIL FPL di Salerno, rispettivamente Antonio Capezzuto, Miro Amatruda e Donato Salvato.

«La Direzione Generale forse non ha ancora capito che il settore del servizio personale è il punto di transito che è costretto a veicolare tutte le istanze dei lavoratori, al fine di evitare continui contenziosi e diffide e quindi è un livello di snodo, all’interno del quale si contemperano esigenze dei lavoratori e quelle dell’azienda. Infatti il contenzioso lievitato enormemente nei confronti dell’ente, mostra l’immobilismo assoluto che sta caratterizzando l’attuale gestione che se protratto ancora per pochi giorni, porterà al collasso l’azienda. Corto circuito comunicativo? Spiace dover rilevare che è l’Asl Salerno a vivere un vero e proprio cortocircuito amministrativo. Continueremo a tenere accesi i riflettori e a proseguire nella mobilitazione rispetto ad un’Azienda priva di Dirigenti capaci di dialogare e soprattutto di fare il proprio mestiere anche se lautamente compensati».

La direzione generale Asl Salerno, rappresentata da Mario Iervolino, in merito alla manifestazione sindacale indetta perché i lavoratori cercavano risposte sulle molteplici criticità sorte, aveva dichiarato: «Questa ASL è al lavoro per la revisione e la rivalutazione di tutti gli atti e le procedure che portano alla definizione degli istituti contrattuali, di cui alle richieste delle 00.SS., il tutto nel rispetto delle normative e dei diritti dei lavoratori. Probabilmente, per qualche componente di qualche sigla sindacale, il cambio di interlocutore in qualche servizio aziendale, avendo avuto precedentemente dei percorsi di confronto preferenziali, ha determinato una difficoltà di riscontro alle richieste quotidiane. Ciò, evidentemente, ha determinato un cortocircuito comunicativo».

©Riproduzione riservata




A Cura di

Maria Emilia Cobucci

Giornalista per scelta ma anche per passione. Da sempre. Testarda e determinata come ogni cilentana che si rispetti. Amo raccontare il mio territorio, ricco di bellezze ma anche di tante storie che tutti dovrebbero conoscere.
Tutti gli articoli di Maria Emilia Cobucci

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019