Zuppetta di Luccio di mare, dai tropici alla nostra tavola

0
23

Barracuda o Luccio di mare è un pesce fusiforme con il muso appuntito e la mascella inferiore prominente. La bocca e provvista di denti aguzzi e rivolti all’indietro. Il dorso è grigio bluastro o verdastro, lungo i fianchi si trovano delle bandeggiature scure. Può raggiungere 1 metro e 65 centimetri di lunghezza, il nome scientifico è Sphyraena sphyraena. Il Luccio ha vari nomi dialettali a secondo della regione: luasso de mar, spigon, schermo, merluzzo imperiale. Nel Cilento, almeno nella zona compresa tra Palinuro e Camerota è chiamato aluzzo. E’ una specie di acque tropicali ma non è rara in Mediterraneo, dopo una grande pesca fatta da mio figlio con tecnica Spinning, mi sono ritrovato sul lavabo in cucina, un bel numero di questi pesci. Considerando che sono pesci associabili al pesce azzurro ho optato per una zuppetta con crostoni di pane. Gli ingredienti sono.
Per 4 persone:
4 Lucci di mare medi
2 piccole cipolle
1 carota
1 costa di sedano
6-7 pomodorini
Un bicchiere d’acqua
Prezzemolo
Sale nero (lo preferisco per la sua dolcezza.)
Pepe bianco
Olio evo*
Pane casereccio
Aglio

Per prima cosa pulire il pesce privandolo della testa e tagliandolo a tranci, pelare le verdure tagliate anch’esse a pezzi grossolani, tagliare i pomodorini a metà.
In un tegame mettere l’olio e appena diventa molto caldo aggiungere le verdure. Prima le cipolle poi carote e sedano. Appena la cipolla comincia a diventare trasparente aggiungere il pesce, lasciarlo rosolare e poi aggiungere i pomodorini. Togliere il pesce dopo 5-6 minuti ed aggiungere un bicchiere d’acqua, schiacciare con una forchetta i pomodorini, coprire e lasciar cuocere.
Nel frattempo tagliare delle grosse fette di pane casereccio strofinare le fette con aglio e metterlo in padella antiaderente, pulire il pesce togliendo tutte le spine e la lisca centrale. Rimettetelo in casseruola, coprite e fate cuocere qualche minuto ancora, spolverare con prezzemolo e sale nero.
Servire in un piatto fondo.

TUTTE LE RICETTE LE TROVI QUI

*Extra Vergine Oliva

 

 ©riproduzione riservata

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here