Cosa vedere in Cilento: le 35 attrazioni più importanti

0
46

Spiagge selvagge, oasi incontaminate, borghi mozzafiato. Cosa vedere? Ci pensa Eventi nel Cilento, la pagina Facebook nata nel 2015 per promuovere le iniziative del territorio e aiutare turisti e residenti nel reperire informazioni. Trentacinque le attrazioni turistiche più importanti secondo Eventi nel Cilento, che con un post diventato in poche ore virale, ha racchiuso in una mappa i principali siti da non perdere. Non solo mare ma anche trekking, adventure, natura, borghi e luoghi di cultura. Figurano l’Oasi Wwf Grotte del Bussento di Morigerati, quelle di Persano, i Capelli di Venere a Casaletto Spartano, il Monte Gelbison e molto altro. 

«Eventi in Cilento è nata nell’estate 2015, all’epoca abbiamo notato la difficoltà nel reperire informazioni sugli eventi del territorio e per hobby abbiamo creato una pagina che facesse da aggregatore degli stessi – spiega il team – L’idea della mappa nasce da un viaggio a Tenerife, appena sbarcati ci siamo resi  conto della loro capacità di promuovere attività ed eventi sul territorio, in ogni luogo bar, hotel, supermercati trovavamo depliant delle attrazioni e delle attività che potevamo svolgere sull’isola. Così dopo due giorni iniziammo a seguire i ‘consigli’ recandoci nei luoghi indicati e godendo a pieno della vacanza. Rientrati in Italia abbiamo iniziato ad immaginare una mappa semplice ed intuitiva che promuovesse le attrazioni presenti nel Cilento e dopo un lavoro di alcuni mesi siamo riusciti nel nostro intento». 

Dietro le quinte della pagina c’è un gruppo di professionisti: «Per lavoro svolgiamo attività di marketing e consulenza nel settore Retail& Digital la nostra società B3Innovation opera sull’intero territorio italiano. – continuano – Lo scopo della pagina era ed è tuttora promuovere gli eventi del territorio ed aiutare residenti e turisti nel reperire informazioni relative agli stessi, abbiamo sempre pensato che una delle carenze del Cilento fosse il concetto di ‘aggregazione’, come se il nostro territorio fosse diviso in comparti stagni». La pagina è seguitissima ed ora il team sta valutando di stamparne diverse migliaia da lasciare gratuitamente nelle attività ricettive che ne faranno richiesta. Storia, cultura e natura tra scoperte avvincenti e sorprendenti. La visita delle 35 attrazioni principali offre una panoramica perfetta del territorio dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco.

©Riproduzione riservata

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here