Dal Governo 30 mln di euro per la riqualificazione dei borghi: sei sono nel Cilento

di Antonio Vuolo

Trenta milioni di euro dal Governo per la riqualificazione dei borghi salernitani. Sono Pollica, Pisciotta, Cetara, Morigerati, Castel San Lorenzo, Casal Velino e Roccadaspide. Tra questi spicca il risultato di Pollica che, con il progetto “Vivere Mediterraneo”, si è classificato al primo posto nel bando su ben 943 progetti finanziati. Il decreto, firmato dal ministro della Cultura, Dario Franceschini, e dal ministro del Turismo, Massimo Gravaglia, consentirà ai borghi vincitori di effettuare interventi di riqualificazione dei centri storici e di valorizzazione storico-culturale. «E’ una visione chiara del futuro, l’impegno, il lavoro, il sacrificio, sono le cose che ti consentono di vincere sfide complesse. A Pollica ci siamo attrezzati anche per le sfide impossibili» spiega il primo cittadino, Stefano Pisani. E poi aggiunge: «La valorizzazione digitale dei beni immateriali e materiali consente una migliore fruibilità degli stessi proponendosi come offerta dinamica e non statica di appropriazione della storia territoriale, oltre che costituire un forte attrattore per il turismo, e getta le basi per una strategia di promozione di medio/lungo periodo».

Tra i borghi finanziati c’è anche quello di Castel San Lorenzo, con la riqualificazione delle aree intorno all’antico “Mulino del Principe”. «Sarà l’inizio di un processo che ci porterà alla rimessa in funzione del Mulino, che potrà diventare così, uno strumento per far conoscere l’importanza delle risorse rurali e per far conoscere ai visitatori, come avveniva la lavorazione del grano» commenta il sindaco, Giuseppe Scorza. Pisciotta, invece, ha puntato sul recupero della storica via Pendino/Chiusa, originario collegamento fra il centro storico di Pisciotta con la sua Marina, e sulla realizzazione di una serie di eventi culturali e formativi incardinati alle attività che fanno di Pisciotta un luogo unico. Il progetto, finanziato con un milione di euro, si chiama “Net to Net: reti e network”. Roccadaspide ha vinto, invece, con il progetto “Med Diet Awards” che prevede, anche in questo caso, una serie di azioni per valorizzare il borgo Entusiasta del risultato della Campania il presidente della Commissione speciale regionale Aree Interne, Michele Cammarano. «Un’iniziativa importantissima – evidenzia Cammarano – nel solco di un lavoro fondamentale che sto portando avanti con la mia Commissione dal primo giorno del suo insediamento. Valorizzare i nostri borghi equivale a restituire dignità alle nostre aree interne e ossigeno a un settore, come il turismo, che in Campania come nel resto del Mezzogiorno è stato messo in ginocchio dall’emergenza pandemica».

©Riproduzione riservata




A Cura di

Antonio Vuolo

Giornalista e comunicatore per passione e per professione da ormai oltre 10 anni, se non ho perso il conto. Il segreto? Avere dentro di sé sempre la stessa curiosità di un bambino. Mi appassionano i temi legati soprattutto alle questioni di attualità, allo sport, al territorio. Quando non sto con una penna in mano o una telecamera davanti, potete “trovarmi” in giro in qualche angolo del Cilento o del mondo, oppure più semplicemente in un bar a sorseggiare un calice di vino con gli amici.
Tutti gli articoli di Antonio Vuolo

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019