Turista tedesca trovata morta. Genius Loci Travel: era una morte annunciata

0
22

Ritrovato il corpo senza vita della turista tedesca scomparsa tre giorni fa nelle gole del fiume Calore, nel cuore del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano. Il corpo della donna, Angelica Mark Zobel, di 58 anni, era incastrato, in profondità, tra alcune rocce del fiume, nel territorio del Comune di Magliano Vetere. Partita dal Comune di Felitto lunedì scorso per una escursione insieme al compagno, della donna si erano perse le tracce durante il percorso di un sentiero naturalistico che collega i centri di Felitto e Magliano Vetere.

Dopo l’allarme del compagno, immediate erano scattate le ricerche effettuate, tra gli altri, dai carabinieri, dal corpo forestale e dai vigili del fuoco. Infine, questa mattina, intorno alle 10 e trenta, il ritrovamento del corpo senza vita della donna, scivolata in una delle gole del Calore mentre effettuava il percorso. (fonte Ansa)

 

 

In relazione alla morte della turista tedesca a Felitto, riceviamo e pubblichiamo una lettera inviata da "Genius Loci Travel" di Salerno: 

Egregio direttore,

Mi dispiace molto doverlo dire, ma questa era una morte annunciata.

Sono tantissimi anni che riceviamo segnalazioni da parte di turisti (in parte nostri clienti) circa lo stato di manutenzione dei sentieri. Nel Cilento, ma anche in Costiera Amalfitana, dove alcune tragedie sono state sfiorate di recente.

Sul tratto delle Gole di Felitto in questione c’è una situazione di pericolosità, già segnalata circa 10 anni fa (e dopodichè diverse altre volte) alle Enti competenti, Parco, Comunità Montana, Comuni etcetera.

Diversi milioni di euro sono stati spesi poi per il ‘ripristino dei sentieri’ e la ‘promozione del turismo sostenibile’ (sic).

Ora tutto sta nell’individuare le responsabilità.

Spero che questa volta non si parlerà di ‘turisti non preparati che si avventurano nella montagna senza conoscerla’, ma si parlerà anche – e soprattutto ! – di milioni di euro spesi inutilmente da persone ed Enti che non sanno (o non vogliono sapere) che cosa significa creare e mantenere una rete sentieristica.

E che cosa può significare questo tipo di turismo per lo sviluppo delle zone marginali di tutto il territorio campano.

A disposizione per ulteriori chiarimenti.

Cordiali saluti,

Peter J. Hoogstaden

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here