«Manca il personale negli ospedali del Cilento»

di Marianna Vallone

Il Codacons Cilento chiede chiarimenti urgenti sulla carenza di personale negli ospedali di Agropoli, Polla, Vallo della Lucania e Sapri. La richiesta arriva dal presidente del Codacons Cilento Bartolomeo Lanzara, che evidenzia una situazione di preoccupazione aggravata dall’emergenza sanitaria in corso. Molti cittadini hanno espresso preoccupazione e il presidente del Codacons Cilento è intervenuto, con una lettera di richiesta di chiarimenti, indirizzata al Presidente della Regione Campania e al direttore generale dell’Asl.

«Da tempo ci vengono segnalati problemi di carenza di personale negli ospedali dell’area Parco – spiega Bartolomeo Lanzara, presidente del Codacons Cilento – . Quindi da tempo i mass media denunciano le carenze di pesonale negli ospedali di Agropoli, Polla, Vallo della Lucania e Sapri. Una situazione divenuta, nel tempo, ormai insostenibile da parte dei cittadini residenti drammaticamente peggiorata dalla pandemia in atto». «L’area Parco, composta di piccoli paesi, – sottolinea Lanzara – soffre più di altri territori perché gli abitanti sono molto distanti dai centri ospedalieri territoriali e con una viabilità, soprattutto nei mesi invernali, quasi impraticabile perché soggetta a fenomeni di dissesto idrogeologico che isolano, per giorni, alcune comunità creando gravi disagi, soprattutto, alla popolazione anziana. Per questo ho chiesto chiarimenti urgenti e il piano della programmazione sanitaria territoriale».

©Riproduzione riservata




A Cura di

Marianna Vallone

Giornalista per professione e comunicatrice per passione, sono alla continua ricerca di storie da raccontare e tramonti da immortalare. Nata sulla costa di Maratea ma morigeratese da sette generazioni. Vivo nel cuore verde del Cilento e sono felice. Faccio domande anche quando conosco le risposte, perché continuo a pensare che l’essere umano sia il viaggio più bello da fare.
Tutti gli articoli di Marianna Vallone

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019