Nel Cilento premio per la Legalità ad Enrico Bernard

0
33

La mattina del 13 aprile, al Cineteatro “La Provvidenza” di Vallo della Lucania si è tenuta la Seconda Edizione del Premio per la Legalità, ideato e progettato dalla Professoressa Carmen Lucia. Con lei il giornalista Arturo Calabrese ha inaugurato la cerimonia di conferimento di riconoscimenti a persone che si sono distinte per l’impegno nella lotta alle mafie, nella divulgazione della cultura della legalità nelle arti, nel campo sociale e del volontariato, nella diffusione della cultura tra i giovani e le fasce deboli, nella difesa dell’ambiente, nella promozione dei principi della cittadinanza attiva e del rispetto del territorio.

Dopo “paolo Borsellino Essendo Stato” di Ruggero Cappuccio, l’opera teatrale scelta quest’anno è stata dedicata ancora una volta alla drammaturgia contemporanea e a un testo “Fratelli di sangue” che mette in scena un agone tragico tra un mafioso e un giudice, tratto dal saggio omonimo di Antonio Nicaso e Nicola Gratteri, procuratore capo di Catanzaro, inmpegnato nella lotta alle mafie. Dedicato in particolare agli allievi dell’IIS “Cenni-Marconi”, il testo teatrale è stato curato dalla regia di Mirko Ferra, giovane regista di Vallo della Lucania. Ha aperto la cerimonia il mezzo soprano Rossana Rinaldi, nata a Vallo della Lucania, premiata per l’impegno nel canto lirico e nella didattica. Rossana Rinaldi è tra i maggiori mezzosoprani della sua generazione, si esibisce regolarmente in molti teatri prestigiosi, sotto la direzione di celebri direttori d’orchestra quali Riccardo Muti, Zubin Metha, Daniel Oren, Richard Bonynge, Placido Domingo, Fabio Mastrangelo, Pier Giorgio Morandi, Clemente. Dotata di una vocalità piena, morbida, calda, brunita, molto estesa e di una solida tecnica, Rossana Rinaldi riesce con facilità a passare dal repertorio classico a quello verista. A seguire si sè esibito il gruppo “In the Loop” (Alessandro Galdieri e Valentina Schiavo), premiati col Premio Legalità per l’impegno nel campo della musica, dove sperimentano nuovi registri espressivi contaminando la tradizione del repertorio italiano con sonorità innovative e sperimentali.

Dopo Il reading di “Fratelli di Sangue” (con Mirko Ferra) si è tenuta la premiazione di persone che si sono distinte per l’impegno civile nel campo della cultura, delle arti, della legalità, dell’ambiente e del sociale.

I premiati 

  • Dott. Enrico Bernard (drammaturgo, saggista e regista) e dott. Mirko Ferra (regista)
    Rossana Rinaldi (mezzosoprano);
  • Sua Eccellenza Ciro Miniero, Vescovo della Diocesi di Vallo della Lucania;
  • Senatore Alfonso Andria, in rappresentanza del Parco Archeologico di Paestum per il Progetto “Dietro le quinte del Museo” e i percorsi resi accessibili per i ragazzi con DSA”;
  • Dott.ssa Monia Monzo e operatrici del “Centro antiviolenza” (Piano di Zona S/8);
  • Prof. Roberto De Luca (Prof. associato di Fisica, Università degli Studi di Salerno);
  • al Prof. Eduardo Maria Piccirilli (Presidente Scuola Superiore Mediatori Linguistici Napoli);
  • al regista Gianni Petrizzo (per il film “Il Maestro e Margherita”);

Per la Musica:

  • Alessandro Galdieri e Valentina Schiavo, Gruppo musicale “In the Loop”;
  • Il Parco Archeologico di Paestum per il Progetto “Il Museo dietro le quinte”

Per l’associazionismo:

  • Antonio Rinaldi (Associazione “Publio Virgilio Marone”, Palinuro) e Vincenza Alessio;

Per il giornalismo:

  • Dott. Simone La Vecchia Editore La TV di Gwendalina
  • Dott. Arturo Calabrese, giornalista.

©Riproduzione riservata

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here