• Home
  • Cronaca
  • Torre Orsaia, l’anfiteatro intitolato a Pietro De Luca

Torre Orsaia, l’anfiteatro intitolato a Pietro De Luca

di Marianna Vallone

Uno dei luoghi più suggestivi di Torre Orsaia dedicato a Pietro De Luca. L’anfiteatro di Torre Orsaia, inaugurato nel 2019, è stato intitolato al giovane 26enne, scomparso in un tragico incidente in scooter sulla strada statale a Policastro Bussentino, nel 2011. La cerimonia di intitolazione si è svolta il 18 settembre alla presenza dell’amministrazione comunale, dei fratelli e dei genitori del giovane Pietro e dei tanti cittadini che lo hanno conosciuto e amato.

«Un ragazzo della nostra terra, che rappresentava ed era legato alle nostre origini, alla nostra cultura – ha spiegato il sindaco Pietro Vicino – Era orgoglioso di essere torrese, aveva un forte senso di appartenenza alla nostra comunità. Questo luogo nato sui ruderi di un vecchio fabbricato abbandonato, oggi è diventato un luogo di aggregazione sociale, in cui i giovani vivono e coltivano le loro speranze e i loro sogni».

«E’ il luogo – ha aggiunto il sindaco – che meglio di tutti rappresenta il legame forte della nostra gente per la nostra terra, nel cuore di Torre Orsaia. Ci è sembrato il luogo ideale per ricordare Pietro. Abbiamo ritenuto che intitolare questo anfiteatro a lui fosse il modo affinché le nuove generazioni avessero sempre memoria, di lui e del culto delle nostre radici», ha concluso il primo cittadino.

A due anni dalla morte di Pietro, è nata anche una fondazione per ricordarlo e dare il via ad iniziative – tra cui un concorso letterario – che avvicinino i giovani a quelli che erano i temi che Pietro amava di più, la cultura e il suo territorio. 

©Riproduzione riservata




A Cura di

Marianna Vallone

Giornalista per professione e comunicatrice per passione, sono alla continua ricerca di storie da raccontare e tramonti da immortalare. Nata sulla costa di Maratea ma morigeratese da sette generazioni. Vivo nel cuore verde del Cilento e sono felice. Faccio domande anche quando conosco le risposte, perché continuo a pensare che l’essere umano sia il viaggio più bello da fare.
Tutti gli articoli di Marianna Vallone

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019