Penne, seppie e mandorle al profumo di zenzero

0
25

Penne e seppie, già una bontà di per se ma se a questo aggiungiamo un trito di mandorle e una grattatina di zenzero avremo un piatto dai profumi intensi e sapori davvero speciali. Questa volta il tutto è nato man mano che procedevo nel cucinare questi molluschi stupendi, in famiglia tutti li adoriamo e li preparo in vari modi, ma stavolta ho voluto provare a farli in maniera diversa. Devo dire che l’esperimento è riuscito alla grande, le seppie che sono particolarmente dolci acquistano quel tocco di freschezza con lo zenzero e le mandorle leggermente tostate ci regalano la croccantezza che mancava. Vediamo come fare.

Ingredienti:
400 gr di penne rigate
2 seppie di circa 200 gr cadauna
50 gr mandorle sgusciate
1 spicchio d’aglio
Zenzero fresco
Olio extra vergine
Sale e pepe

Preparazione:
Laviamo le seppie e puliamole, tagliamole a dadini e teniamole a parte. In una padella antiaderente ben calda facciamo tostare le mandorle in modo che comincino a cacciare gli oli essenziali. Togliamo le mandorle dal fuoco e teniamole a parte, mettiamo nella stessa padella 4 cucchiai di olio etra vergine e uno spicchio d’aglio, appena l’aglio comincia a soffriggere mettiamo le seppie e facciamole saltare a fiamma vivace, appena si colorano abbassiamo la fiamma e aggiustiamo di sale e pepe, facciamo cuocere per 15 minuti. Nel frattempo mettiamo l’acqua per la pasta e appena giunge a bollore caliamola e facciamola cuocere, di solito le penne richiedono circa 9 minuti di cottura, trascorsi 7 minuti assaggiamo e se sono molto al dente scoliamo tenendo a parte qualche mestolo d’acqua, passiamo le penne nella padella, spolveriamo con una grattatina di zenzero fresco e portiamo a termine la cottura. Tritiamo le mandorle in un frullatore e aggiungiamole alla pasta, teniamone a parte un poco per decorare il piatto. Serviamo ben calde.

TUTTE LE RICETTE LE TROVI QUI 

Seguici su facebook Istagram: #cilentaniaifornelli  twitter: @CilentoFornelli 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here