• Home
  • Rubriche
  • Zoom
  • “Cantami, o Diva, del Pelìde Achille l’ira funesta”: Gianluigi Tosto fa rivivere “L’Iliade” a Velia

“Cantami, o Diva, del Pelìde Achille l’ira funesta”: Gianluigi Tosto fa rivivere “L’Iliade” a Velia

di Raffaele Galato

“Cantami, o Diva, del Pelìde Achille l’ira funesta …”

E ieri sera, sul palco della XIV edizione di VeliaTeatro, la “musa”, incarnandosi nel corpo di Gianluigi Tosto, ha “cantato” l’ira di Achille, l’orgoglio di Agamennone, lo slancio di Patroclo, l’eroismo di Ettore, il dolore di Priamo, trasportando gli spettatori nelle atmosfere delle corti achee quando Omero intratteneva gli ospiti con le storie truci e violente dell’Iliade e quelle avventurose dell’Odissea, quale insuperabile antesignano di moderne sceneggiature.

E Gianluigi Tosto è riuscito, sul proscenio della torre di Velia rischiarata da una splendida luna, solo, accompagnato soltanto da pochi semplici strumenti da lui stesso adoperati per creare suoni e rumori, a coinvolgere ed appassionare il pubblico che, alla fine, ha lasciato la collina pienamente appagato per aver assistito ad uno spettacolo degno di essere ricordato.

Sarebbe il caso che certe presentazioni si facessero a scuola? Forse, da studenti, avremmo amato un po’ di più Omero e ci saremmo, probabilmente, appassionati alle vicende dei protagonisti ancor più di come facciamo con i personaggi delle odierne “fiction”.

Organizzazione perfetta, dal parcheggio per le autovetture (facilmente fruibile), al servizio navetta (mini-bus perfetti ed autisti disponibili), alla location (nessun rumore né luci moleste… cosa tutt’altro che scontata di questi tempi), al botteghino (ordinato e con addetti molto cortesi), ai posti a sedere. Anche quella bottiglietta d’acqua messa a disposizione degli spettatori rappresenta una sensibilità purtroppo non sempre presente negli staff delle nostre manifestazioni.

Insomma, un voto con lode, che ci spinge a fare nostro il messaggio lanciato dalla presentatrice agli Enti che fino ad oggi hanno supportato la manifestazione: facciamo si che non venga cancellato un appuntamento che rappresenta un punto di forza per tutto il nostro territorio per la sua valenza culturale, spettacolare e turistica.

©

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019