Pappardelle con ceci di Cicerale

Infante viaggi

Altro piatto classico ma, rivisitato e realizzato a mio piacere. Infatti, invece di cuocere la pasta nei ceci con tanto brodo ho preferito finire la cottura in padella in modo che fosse meno umida e con più consistenza. Il nome Cicerale e lo stemma comunale di questo paese, testimoniano una produzione importante sin dal Medioevo: “terra quae cicera alit” (terra che nutre i ceci), recita lo stemma del paese che raffigura anche una pianta di ceci intrecciata con una graminacea. E ancora oggi nei terreni di Cicerale si produce una varietà locale di piccoli ceci rotondi, dal colore leggermente più dorato rispetto a quelli comuni, con sfumature nocciola chiaro, e dal sapore intenso.

Ingredienti:
400 gr di pappardelle
300 gr di ceci di Cicerale
5 pomodorini pachino
Prezzemolo
Sale e pepe q.b.
Olio evo
Aglio

Preparazione:
Si comincia il giorno prima a mettere in abbondante acqua fredda i ceci e li lasciamo tutta la notte. La mattina, cambiamo l’acqua, li mettiamo sul fuoco e li portiamo a ebollizione facendoli sobbollire a fiamma basa per almeno 1 ora. Dopo un’ora li togliamo dall’acqua di cottura, che conserveremo, e li passiamo in una padella larga, dove avremo messo a soffriggere l’aglio con l’olio evo, circa 4 cucciai d’olio. Facciamo finire la cottura aggiungendo un poco dell’acqua che abbiamo tenuto da parte. Nel frattempo avremo già messo l’acqua per la pasta e calato le pappardelle che in media richiedono di circa 8 minuti di cottura, quindi, dopo 6 minuti le scoliamo e le passiamo nella padella con i ceci, aggiustiamo di sale e pepe e portiamo a termine la cottura. Spolveriamo il prezzemolo tritato finemente e serviamo subito.

  • Vea ricambi Bellizzi

TUTTE LE RICETTE LE TROVI QUI 

Seguici su facebook Istagram: #cilentaniaifornelli  twitter: @CilentoFornelli 

©Riproduzione riservata

  • assicurazioni assitur
  • Vea ricambi Bellizzi
  • Lido La Torre Palinuro
  • Lido Urlamare Palinuro