Il Cilento che conserva i prodotti della terra. Lambascioni e asparagi selvatici

0
39

Nasce dal bisogno antico di conservare i prodotti della terra e del mare per i periodi di magra, quando ancora non esistevano i supermercati con il loro “aglio cinese” e prodotti che provengono da chissà dove. I lambascioni o cipolle canine, sono una specie di cipolla selvatica rosa che ancora oggi, pochi estimatori, cercano nel periodo primaverile si raccolgono in concomitanza agli asparagi, altra bontà selvatica. I lambascioni si possono cucinare in vari modi ma, adesso spieghiamo come conservarli sott’olio.

Ci servono 1Kg. di cipolle canine (Lambascioni) e 200 gr. di asparagi selvatici.
Lessare le cipolle canine e la parte tenera degli asparagi per qualche minuto in aceto di vino (gli asparagi solo un minuto) e conservare in vasetti di vetro ricoperte di olio extravergine di oliva, dopo un paio di mesi sono ottimi per preparare stuzzichini e antipasti.

 

Riproduzione riservata ©

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here