Aspettando il Meeting Del Mare: intervista ai Dub All Sense

Infante viaggi

Marina Di Camerota come la Jamaica. Succederà quando a salire sul palco saranno i Dub All Sense, pronti ad infiammare migliaia di spettatori.

“C’era una volta… potremmo iniziare così il racconto di come diverse realtà del panorama musicale Campano si sono incontrate e hanno dato vita al progetto Dub All Sense, ma cercherò di stringere il più breve possibile, e di raccontarti in poche parole l’avventura che ci ha portato a Follow the Lion. Tutto è nato da una necessità di metter sù una band elettro dub, ricercando qualcosa di originale ma al tempo stesso legata alle radici roots/dub, dopo la mia esperienza per 5 anni in una band prettamente reggae (i La’broster), e dopo una militanza in un sound system dub/steppah (Mystical Powa), decisi di unire un po’ di gentaglia per un nuova avventura più decisa e determinata, così chiamai la voce dei Jahina Filippo D’Avanzo, che consideravo e considero tutt’oggi una delle voci più interessanti e coinvolgenti della nuova scena reggae/dub Campana, al quale feci sentire i primi brani che avevo in cantiere, iniziammo così questa nostra collaborazione fatta di grande feeling e ottime ispirazioni, con noi piano piano si è unito il batterista/percussionista Enzo Daddio (ex La’brosTer), e insieme abbiamo lavorato per 1 anno intero alla realizzazione di Follow The Lion. Prese così vita il progetto Dub All Sense , un collettivo musicale sempre in crescita e bene impostato verso il dub/reggae , ma orientato sempre e comunque sulla sperimentazione e la miscelazione di generi elettronici tra il digitale e l’analogico, con un impegno ben preciso , quello di portare nel live show la giusta potenza e compattezza per coinvolgere, far saltare e pensare sempre e comunque, il pubblico che incontriamo lungo i nostri live.Tutto ciò è stato reso ancora più possibile, grazie alla collaborazione che è nata questo 2010 tra noi e la band Bogus (Domenico Vitolo, Giancarlo Aquilonia e Alfonso D’Ambrosi) e il chitarrista dei Jahina Francesco Punziano, con loro oggi Dub All Sense è una vera live band d’assalto elettro/dub, e avrete modo di ascoltarla quest’anno al Meeting del Mare. Follow the lion…”. 

Arrivano da Santa Maria A Vico e il loro progetto fonde alla perfezione Roots ed Electro-Dub utilizzando anche elementi della tradizione popolare campana: fra le realtà più interessanti della loro scena con alle spalle collaborazioni del calibro di Madaski degli Africa Unite e Neil Perch degli Zion Train.

  • Assicurazioni Assitur

“Beh, ora tocchi un punto fondamentale per la carriera del Collettivo. Con Madaski abbiamo avuto la conferma che tutto il lavoro fatto in precedenza aveva uno scopo e una possibilità concreta di realizzare un progetto longevo, La collaborazione artistica con Madaski ci ha portato ad una crescita costruttiva e ad una lunga meditazione, su come impostare al meglio il nostro progetto, Madaski ha un pregio molto raro tra i musicisti, ed è  l’umiltà di chi fa musica solo per amore verso questa parola, Musica!, E dovrebbe essere il primo esempio da raccogliere per chi vuol fare della musica la propria ragione di vita. Se vuoi sapere com’è nata la collaborazione, beh nel modo più semplice e diretto, lo definirei il metodo ” favola”,  gli facemmo ascoltare dei promo di alcuni brani , e lui decise di invitarci nel suo studio a Luserna (TO)  per registrare il nostro primo Album, beh sai sono quelle cose che non ci credi nemmeno se le vivi!, e invece fu così, ci ritrovammo 15 giorni, 24 ore su 24, nella sua villa super cablata di Luserna a registrare il nostro primo Album. Ma un altra grande soddisfazione è stata anche quelle di collaborare con Alex Soresini, batterista degli ex Reggae National Tickets, di Al Borosie, Casino Royale, Smoke e attualmente nuovo batterista degli Africa Unite, e con Paolo Baldini dei B.R.Styler considerato tra i migliori produttori dub in Europa, da ringraziare ci sarebbe tantissima altra gente, ma magari vi lasciamo la curiosità, e vi invito a comprare il disco, e li troverete tutti i ringraziamenti, hehehehehe… Con Neil Perch la collaborazione è nata nel Dicembre 2009 , beh diciamo che è stato Babbo Natale a portarcelo sotto l’albero :).. già ci conoscemmo nel 2007 al Castello Reggae di Alvito quando suonavo con i Mystical Powa, e per me, che nella vita provo a fare il dubmaster, è una bella botta stare vicino ad un mostro sacro come Neil Perch!!, insomma dopo 2 anni e mezzo ci risentimmo per chiedergli che ne pensasse dei brani di Follow the Lion, e in particolare gli piacque ” Afrika ” e ci fece la proposta di inserirla nella serie Dub Conference per la sua etichetta Deep Root Universal Egg, ci realizzò il remix “African Pressure” che considero una vera pietra!, e pubblico remix + Afrika su vinile 7″pollici, distribuito in tutto il mondo, da DubVendor, principale fornitore di reggae dub Europeo, a EbReggae il grande distributore di reggae/dub Americano. Beh dirti che soddisfazione è stata, è inutile… ovvio!”.

I Dub All Sense si esibiranno al Meeting Del Mare la sera del 30 Maggio.

Assicurazioni Assitur