Pain Before Dying: il verbo del Metal nel Cilento

di Giuseppe Galato

D: Presentatevi ai nostri lettori (chi siete, da dove venite, cosa trasportate).
R: Ciao, siamo i Pain Before Dying, una Metal band del Cilento nata nel 2008. Proponiamo un Death Metal con influenze Hardcore. I pezzi che suoniamo sono scritti esclusivamente da noi. Alla voce c’è Nicola Stifano, alla batteria Leonardo Romano, al basso Giuseppe Pica e infine io alla chitarra, Dario Cirillo. Io e Giuseppe veniamo da Ascea mentre Nicola e Leonardo da Pellare.

D: A quali gruppi musicali vi ispirate principalmente?

R: Le nostre influenze sono molto ampie. Passiamo dal Rock’n’Roll al Metal. I gruppi ai quali ci ispiriamo maggiormente sono i Death, Testament, Kreator, Hatebreed, As I Lay Dying, Suicide Silence.

D: Fate un genere abbastanza ostico: come vi state muovendo per ritagliarvi uno spazio personale all’interno della scena?
R: Il nostro genere e difficile da portare avanti soprattutto in questa zona dove la mentalità è molto chiusa, dove ci sono ancora molti pregiudizi ed ipocrisia. Ciò nonostante proponiamo il nostro genere da quasi 3 anni cercando di superare le difficoltà e facendoci carico anche dei costi economici.

D: L’adrenalina e il sudore sono componenti principali dei vostri spettacoli ed il pogo non si spreca, sebbene nel Cilento si poga poco: come fare per portare ai giovani il verbo del pogo?
R: Bella domanda!!! Il pogo è una cosa che nasce spontanea secondo me, quando senti un gruppo che spacca ti viene quella adrenalina che è impossibile non pogare.

D: Cosa si deve aspettare uno spettatore che viene a un vostro concerto?

R: Il nostro intento è quello di far divertire e non di spaventare la gente, quindi speriamo che gli spettatori capiscano questa nostra intenzione e si divertano insieme a noi.

D: Com’è la situazione musicale cilentana? Ci sono spazi adatti per suonare?
R: Gli spazi ci sono per tutti i generi musicali, il problema è il genere di musica che proponiamo noi e altri gruppi come il nostro che trovano rari spazi.

D: Ci sono altre band cilentane che stimate?
R:  I No Name, un gruppo di amici che suonano da poco ma hanno molta grinta, gli Hell Crashers, mitico gruppo con cui abbiamo condiviso il palco e sudore 3 volte, i Members Of God, i vecchi Laurithyn, che oramai non suonano più, e infine ricordo i Quasar Post Mortem, altro gruppo cilentano che propone anch’esso un Metal duro.

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019