Ladri «padroni» del Cilento, cittadini impauriti: telecamere e cani per acciuffare i malviventi

Quando il problema non si può risolvere direttamente fermando in questo caso l’ondata di furti che sta travolgendo il Cilento, si cerca di correre ai ripari con i metodi più efficaci possibili e quindi, i cittadini di alcuni centri del comprensorio, si stanno impegnando per installare all’esterno delle proprie abitazioni i sistemi di video sorveglianza, mentre altri, invece, sono alla ricerca di un cane da guardia. Pastori tedeschi e Dobermann i più indicati dagli esperti. Tra la Piana del Sele e l’Alto Cilento sono diverse le aziende e abitazioni private presa di mira dai malviventi. Tra queste l’officina di un fabbro dove hanno rubato attrezzature per diverse migliaia di euro.  Nella stessa località nei giorni scorsi sono state visitate dai ladri anche delle abitazioni private. In particolare due villette utilizzate dai proprietari soltanto nel periodo estivo e due aziende dove all’interno dei capannoni hanno prelevato attrezzature agricole. Rubate in un’azienda agricola anche due rappatrici. In altre abitazioni i proprietari sono riusciti a mettere in fuga i ladri. Ma la raffica di furti non finisce qui. La scorsa notte, lungo la strada di collegamento tra le contrade di Cerrelli e Borgo Carillia ad Altavilla, i ladri hanno svaligiato una abitazione privata. Le porte di accesso sono state divelte come le finestre e i vetri interni. Dalle ville i topi di appartamento si sono spostati in campagna dove hanno rubato una motozappa, un decespugliatore, del gasolio usato per gli stessi attrezzi, diverse chiavi meccaniche ed attrezzi da ferramenta di vario genere. Sui casi indagano i carabinieri delle stazioni locali.

©Riproduzione riservata