• Home
  • Cultura
  • L’uomo più anziano della Campania vive nel Cilento e ha 106 anni

L’uomo più anziano della Campania vive nel Cilento e ha 106 anni

di Redazione

Pietro Ferrazzano

Vive a Sessa Cilento l’uomo che – secondo le statistiche – vanterebbe il primato di essere l’uomo più anziano della Regione Campania. Si chiama Pietro Ferrazzano e il 9 ottobre ha spento 106 candeline. Fino al 2017 il primato era di Gemma Migliaccio, che ha vissuto a Barano, comune dell’Isola di Ischia fino alla fine dei suoi 109 anni.

Zio Pietro è nato il 9 ottobre 1913 nella piena età giolittiana quando la lira faceva aggio sull’oro. Testimone oculare della Prima e della Seconda Guerra Mondiale, perde molti familiari ed amici ma riesce a salvarsi. Nella sua vita ha fatto tanti lavori umili come il falegname e l’agricoltore. E’ una delle poche persone ancora in vita a vantare il primato di aver partecipato al primo suffragio universale nel 1946 per la nascita della Repubblica italiana.

Il piccolo paese salernitano di Sessa Cilento conta 1274 abitanti e vanta anche un altro primato, quello di ospitare molti altri longevi. «I numeri parlano chiaro: perché – come spiega lo studioso Antonio Migliorino – su di una popolazione che, al momento, conta all’incirca 1.260 residenti, vi sono 2 soggetti ultracentenari: per l’appunto Pietro Ferrazzano (nato il 9.10.1913), con casa nel capoluogo, e Diamandina Sortolano, della vicina Valle (nata il 2.9.1915), che proprio lo scorso mese ha compiuto 104 anni di età».

Ci sarebbe anche una terza persona, Rosalia Mazzarella che ha compiuto 100 anni lo scorso 21 settembre, ma la nonnina, originaria di San Mango, frazione di Sessa Cilento, da un po’ di anni vive ad Agropoli, dove è stata festeggiata dal Comune in occasione del suo compleanno.

Ai centenari bisogna anche aggiungere i 30 ultranovantenni che appartengono alla fascia d’età 90-99 anni ed i 120 che hanno invece tra gli 80 e 89 anni.

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019