I ziti spezzati di nonna Ines con melanzane fritte e polpettine al profumo di timo

di Federico Martino

Ricetta della tradizione, questa che vi propongo. Infatti, nonna Ines era solita farla nella giornata dedicata a San Domenico, santo patrono di Marina di Camerota e una delle sue nipoti ricordandola mi ha tramandato la ricetta che prontamente ho fatto per ricordarla nel giorno dedicato al santo patrono.

Ingredienti:
500 gr di zitoni
4 melanzane
2 fiordilatte
Polpettine
Sugo pomodoro
1 cipolla rossa di Tropea

Per il sugo:
4 pelati
1 spicchio d’aglio
Foglie di basilico

Per le polpettine:
500 gr macinato
Un panino raffermo
1 uovo intero
Grana padano
Timo
Prezzemolo
Aglio
Sale e pepe

Cominciamo la preparazione che è un poco lunghetta, ma vi assicuro che ne vale la pena.
Per prima cosa mettiamo a cuocere il sugo semplice.
Tagliamo le melenzane a fiammifero e friggiamole in abbondante olio di arachidi, scoliamole su carta da cucina e teniamo da parte. Tagliamo la cipolla rossa e teniamo a parte anche quella.
Amalgamiamo tutti gli ingredienti per le polpettine, compreso timo e prezzemolo e formiamo delle polpette piccole all’incirca come noci. Nell’olio di arachidi friggiamole e come per le melanzane teniamole a parte. Tagliamo la mozzarella a dadini e mettiamola a scolare del liquido in eccesso in un colapasta. A questo punto mettiamo l’acqua per la pasta, spezziamo gli ziti in tre pezzi e quando l’acqua bolle saliamo e caliamo dentro gli ziti, mi raccomando i pezzetti piccoli che sono avanzati spezzando la pasta, non sprechiamoli, se sulla confezione dice che la cottura è di 7 minuti noi dopo soli 4 minuti scoliamo la pasta da tutta l’acqua e la condiamo con il sugo semplice preparato in precedenza, conservandone un quarto per aggiungerlo alla fine. Mettiamo in una teglia da forno metà della pasta e aggiungiamo le melanzane, le polpettine e la mozzarella, una grattugiata di grana e via con il resto della pasta che condiamo con ciò che rimane delle melanzane, mozzarella e polpettine. Aggiungiamo la cipolla di Tropea tagliata a rondelle e altro grana. Pronti per il forno dove li lasciamo cuocere per 20 minuti a 200°.

TUTTE LE RICETTE LE TROVI QUI


©

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019