Padula, operaio muore schiacciato dalle lastre di marmo: due persone rinviate a giudizio

Il gup del Tribunale di Sala Consilina ha deciso di rinviare a giudizio Amedeo e Alfeo Cancellaro, padre e figlio, titolari della ditta di marmi di Padula dove nel giugno del 2012 perse la vita Mario Vecchio, operaio. I due sono stati imputati di omicidio colposo commesso con violazione delle norme per la prevenzione sul lavoro. La decisione è stata presa al termine dell’udienza preliminare. Il processo avrà inizio il 15 ottobre prossimo.

Michele Vecchio aveva 52 anni. E’ morto il 5 giugno del 2012 mentre era impegnato nel proprio lavoro di operaio all’interno della fabbrica di marmi Cancellaro a Padula. Durante un’operazione, poco prima della pausa pranzo, Vecchio è rimasto schiacciato fra tre lastre di marmo. I colleghi di lavoro si sono accorti dell’incidente solo alla fine della pausa pranzo, ma ormai non c’era nulla da fare. Vecchio è morto sul colpo.

©Riproduzione riservata