Allarme bracconaggio nel parco del Cilento. Cilento Verde: «Sentiti colpi di fucile»

Infante viaggi

Il parco del Cilento sotto tiro dei bracconieri? A quanto pare si. Stando, almeno, a quanto risulta da un dossier – denuncia fatto recapitare alla sede dell’Ente parco e al corpo forestale dello stato dal circolo agropolese Cilento Verde. A essere minacciata, in particolare, l’area protetta del monte Tresino nei pressi della baia di Trentova, tra i comuni di Agropoli e Castellabate.

Il dossier di Cilento Verde preoccupa non poco. Il documento, infatti, segnala un fenomeno che andrebbe avanti da diverso tempo mettendo sotto scacco un’area sottoposta a vincolo e per di più in un periodo di chiusura dell’attività venatoria. «Non è la prima volta che si verificano episodi venatori nell’area protetta di Tresino – dichiarano i vertici di Cilento Verde – Negli ultimi giorni alle prime luci dell’alba sono stati avvertiti colpi di fucile, cui segue l’alzarsi in volo di uno stormo di uccelli». «Dopo aver monitorato per alcuni giorni la zona – continuano – ci è parso evidente che siamo in presenza di cacciatori che agiscono abusivamente dal momento che Tresino ha vincoli di riserva integrale e di tutela generale del patrimonio floro – faunistico e in esso la caccia è assolutamente vietata durante tutto l’anno».

  • Vea ricambi Bellizzi

Il circolo a questo punto sollecita ente Parco e forestale affinchè «vengano attivati controlli per stroncare l’attività venatoria e attuare iniziative e progetti che pongano maggiore attenzione alla tutela del patrimonio».

©Riproduzione riservata
 

  • Lido La Torre Palinuro
  • assicurazioni assitur
  • Lido Urlamare Palinuro
  • Vea ricambi Bellizzi