• Home
  • Economia
  • Da costa a costa a km 0. I sapori della provincia con i produttori Coldiretti

Da costa a costa a km 0. I sapori della provincia con i produttori Coldiretti

di Federico Martino

riceviamo e pubblichiamo

In attesa della Fiera di Natale i produttori della Coldiretti si ritroveranno nel ristorante “l’Antica Pagliera” di vicolo Grimoaldo nel Centro Storico di Salerno venerdì 3 dicembre, per proporre i sapori delle eccellenze del territorio salernitano. La location è particolarmente suggestiva difatti nel ‘600 fu una grande stalla con selleria dove un frettoloso viaggiatore poteva cambiare il proprio cavallo; dopo la seconda guerra mondiale divenne una confettureria dove si potevano trovare tramandate antiche ricette di composte e marmellate. Ben si adatta, quindi, ad entrare nei ristoranti selezionati da Coldiretti Salerno per i menu a km 0, difatti le proposte culinarie de “L’ Antica Pagliera” spaziano sapientemente fra i sapori, gli odori e i colori delle più genuine tradizioni del territorio salernitano. Ad ogni portata il prodotto elaborato dagli chef sarà accompagnato dalla presentazione dei produttori che ne spiegheranno le caratteristiche, dalle modalità di coltivazione alla preparazione finale. Alla serata è stato dato il tema “da Costa a Costa” significando le due coste della Provincia di Salerno che in pratica compongono tutto il territorio. Partendo dalla Costiera Amalfitana ci saranno lo sfusato ed il Concerto, liquore caratteristico nato da un intuizione delle suore del Monastero di Tramonti, si passa poi all’olio delle colline salernitane, alla pera pericina ed alla tonda di Giffoni. Dalla Costa Cilentana la mozzarella nella mortella, il cacioricotta, il lardo del maiale nero senza far mancare, ovviamente, il fico bianco. Dalla zona interna le fragole di Auletta ed il vino di Aquara. Non mancherà il sapone all’olio di oliva di Ascea e gli addobbi floreali, rigorosamente natalizi, da Montecorvino Pugliano.

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019