• Home
  • Cronaca
  • I sentieri del Parco del Cilento sulla guida del CAI edita dal Corriere della Sera

I sentieri del Parco del Cilento sulla guida del CAI edita dal Corriere della Sera

di Luigi Martino

Continua senza sosta il lavoro della Sottosezione CAI Montano Antilia all’interno dell’ area protetta più grande d’Italia. Fin dalla sua costituzione, fanno sapere dal CAI, la Sottosezione di Montano Antilia in perfetta sinergia e sintonia con l’ente Parco Nazionale del Cilento Vallo di Diano e Alburni, ha lavorato sulla ricognizione e segnatura della rete escursionistica esistente. Ad oggi proprio grazie al CAI abbiamo finalmente ben 4 tappe del Sentiero Italia CAI nel territorio Cilentano complete di segnaletica orizzontale e tracce gpx per gli escursionisti, oltre che una nuova e accogliente rete dei punti di accoglienza CAI. La nostra Associazione, affermano Andrea Scagano e Ferdinando della Rocca, ha avuto l’onere e l’onore di sedere nel Consiglio Direttivo dell’Ente durante la Presidenza Pellegrino, toccando con mano e risolvendo giorno dopo giorno i tanti problemi ereditati in tema di sentieristica. Grande soddisfazione per l’attenzione e visibilità che la presidenza nazionale sta regalando ai soci cilentani del CAI, dopo eventi nazionali ed internazionali organizzati qui nel Cilento quali il “Medimont Parks”, tre edizioni della rassegna nazionale “Rifugi di cultura” e tanti altri eventi, a breve presenteremo il nuovo calendario degli eventi culturali e i progetti di ricerca finanziati dal Club Alpino Italiano per l’anno 2022. Il nostro CAI, conclude Andrea Scagano, è un CAI giovane, fatto da giovani menti, professionisti che hanno deciso di restare nel nostro territorio e che sono da sempre pronti alle grandi sfide al fine di far diventare il nostro Parco un’isola felice per gli escursionisti provenienti da ogni parte del mondo.

©Riproduzione riservata




A Cura di

Luigi Martino

Fagocito storie miste a facce intrise di granelli di vissuto. Non ho sangue, dentro scorre mare. Assumo pillole di tradizioni e m’incanto di fronte a occhi nuovi. Porto sul groppone il peso perenne di confezionare sempre cose belle. Litigo spesso con i pulsanti della mia Nikon e sono alla continua ricerca di «enciclopedie che camminano». Mentre corro dal mare alle colline del Cilento, sotto al braccio destro ho un Mac; sotto all’altro, invece, un quintale d’umiltà. A caccia di traguardi che si rinnovano in modo perpetuo, colleziono tramonti, ingurgito libri e immagazzino abbracci senza essere sfiorato. Giornalista per professione, video-fotoreporter per ossessione, racconto storie per necessità. Giornalista per professione. Fotografo per passione. Racconto storie per necessità.
Tutti gli articoli di Luigi Martino

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019