• Home
  • Economia
  • Sala Consilina, “Terre d’Italia a confronto” un ponte culturale e storico tra Sala Consilina e Toscana

Sala Consilina, “Terre d’Italia a confronto” un ponte culturale e storico tra Sala Consilina e Toscana

di Federico Martino

I Comuni di Sala Consilina e di Sant’Agata de’ Goti hanno rappresentato la Campania a “Terre d’Italia a confronto”, manifestazione  svoltasi per tre giorni (1-2-3 luglio scorsi) in Toscana a Monsummano Terme, in provincia di Pistoia.
L’iniziativa, promossa dalla cittadina toscana, nota per le sue terme, da tre anni a questa parte, mette a confronto la cultura, la storia, le tradizioni popolari e le produzioni eno-gastronomiche locali con quelle di altre regioni italiane.
La scelta dei due centri campani non è stata casuale. Sono migliaia, infatti, i salesi ed i santagatesi che, tra gli Anni Cinquanta e Sessanta del secolo scorso, sono emigrati a Monsummano in cerca di lavoro. Col passare degli anni, essi si sono integrati appieno nella vita della ridente cittadina toscana, ma senza dimenticare le proprie origini. E “Terre d’Italia a confronto” si pone proprio l’obiettivo di rinsaldare i legami tra i cittadini immigrati a Monsummano ed i loro paesi nativi. Una iniziativa che quest’anno ha, tra l’altro, assunto ancora maggiore valenza perché svoltasi in concomitanza con gli eventi celebrativi del 150° anniversario dell’Unità d’Italia. L’evento, per quanto concerne il comune di Sala Consilina, è stato curato dall’Area Tecnica comunale diretta dall’ing. Attilio De Nigris ed è stato finanziato dal Parco Nazionale del Cilento Vallo di Diano, da Coldiretti, da Confagricoltura con il  patrocinio dalla Provincia di Salerno e della Regione Campania.
Nel corso della tre giorni, la delegazione di Sala Consilina, guidata dal sindaco Gaetano Ferrari e dall’assessore allo Sport, Francesco Cavallone, ha fatto rivivere ai “salesi di Monsummano” la storia, la cultura e le tradizioni salesi. In particolare, il prof. Antonio Tortorella ha presentato, mediante una relazione ed un video, le origini e la storia di Sala. La “Cantina delle Arti” ed i “Ragazzi di San Rocco” hanno rappresentato l’arte teatrale locale con due spettacoli in dialetto salese. Per lo sport, invece, i giovani atleti della Polisportiva Basket di Sala si sono confrontati con i loro coetanei monsummanesi disputando un avvincente incontro di basket. Nelle sale del Museo della Città e del Territorio, nell’ambito della mostra “Angoli segreti di Sant’Agata de’ Goti e Sala Consilina”, attraverso una carrellata di foto artistiche, di opere di pittura e video, sono stati rappresentati i luoghi più affascinanti e la storia religiosa di Sala Consilina e dell’intero territorio del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano. Infine, in piazza Giusti, la principale di Monsummano, è stata allestita una esposizione- degustazione, delle  produzioni eno-gastronomiche di Sala da parte degli agriturismo “Villa delle Acacie”, “Macchiapiede” e la “Fonte”, e dell’associazione “Salagustando” che ha proposto i latticini dei maestri casari salesi. “Si è trattato di un’esperienza che ha regalato infinite emozioni ai nostri concittadini che vivono in Toscana, afferma Gaetano Ferrari. Siamo molto orgogliosi di aver riproposto uno spaccato del loro paese d’origine”.  
Insomma, per tre giorni a Monsummano si è creato un ponte ideale tra Sala Consilina ed i “salesi mosumannesi” che conservano nei loro cuori ricordi e gioie indelebili della loro terra natìa.

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019