• Home
  • Comuni
  • Agropoli
  • Ospedale di Agropoli, in 42mila chiedono la riapertura del Pronto soccorso

Ospedale di Agropoli, in 42mila chiedono la riapertura del Pronto soccorso

di Antonio Vuolo

«Oltre 42mila firme raccolte e intere comunità che da oltre un anno, a gran voce, invocano l’apertura del Pronto soccorso dell’ospedale di Agropoli. Un grido d’allarme che coinvolge anche i sindaci e gli amministratori dei tanti comuni dell’area Cilentana che hanno in questo nosocomio un riferimento fondamentale per l’assistenza a migliaia di residenti e visitatori». Così il presidente della Commissione Aree Interne e consigliere regionale M5S Michele Cammarano. «Non ha avuto alcun seguito la nota dell’8 luglio 2020, con la quale l’Asl di Salerno annunciava la riorganizzazione del presidio ospedaliero, diventato intanto Covid hospital, e la riapertura h24 del Pronto soccorso, con un investimento complessivo di circa 2 milioni di euro. – prosegue Cammarano – Oggi avremmo voluto interrogare la giunta regionale in aula, per capire se intende dar seguito ai provvedimenti annunciate e che tempi si prevedono perché un presidio così importante venga restituito alle comunità del Cilento. Ma il question time sulla vicenda è stato rinviato per approfondimenti istruttori e ben 42mila cittadini e le loro famiglie dovranno attendere chissà quanto ancora per ottenere una risposta».

©Riproduzione riservata




A Cura di

Antonio Vuolo

Giornalista e comunicatore per passione e per professione da ormai oltre 10 anni, se non ho perso il conto. Il segreto? Avere dentro di sé sempre la stessa curiosità di un bambino. Mi appassionano i temi legati soprattutto alle questioni di attualità, allo sport, al territorio. Quando non sto con una penna in mano o una telecamera davanti, potete “trovarmi” in giro in qualche angolo del Cilento o del mondo, oppure più semplicemente in un bar a sorseggiare un calice di vino con gli amici.
Tutti gli articoli di Antonio Vuolo

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019