Montecorice, disagi all’ufficio postale: troppi utenti da sedi vicine chiuse

159
Infante viaggi

di Antonio Vuolo

Solamente un ufficio postale aperto, a Montecorice capoluogo, con inevitabili disagi per l’utenza. La chiusura, già da tempo, della sede di Ortodonico e il forte ridimensionamento delle sedi di Case del Conte e Agnone Cilento, hanno causato il riversamento di quasi tutta l’utenza sull’ufficio al capoluogo. Ecco perché il Comune di Montecorice, dopo più solleciti a vuoto a livello locale, ha scritto direttamente al direttore generale di Poste Italiane, Matteo Del Fante, per denunciare la situazione. «Sarebbe auspicabile – si legge nella nota del Comune – se si vogliono evitare inconvenienti di maggiore portata, che gli uffici postali di Agnone Cilento che oggi apre solamente due volte al mese e Case del Conte oggi chiuso, rimangano aperti tutti i giorni dell’anno e che venga potenziato quello di Montecorice, che oggi anche per la collocazione geografica non permette la gestione in sicurezza dell’afflusso degli utenti». Nella stessa nota, il Comune, tra i pochi della zona ancora sprovvisto di sportello ATM, ne ha chiesto l’attivazione.

  • Vea ricambi Bellizzi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

assicurazioni assitur