• Home
  • Cultura
  • Castellabate diventa cornice del nuovo film di Luca Miniero: “Benvenuti Al Sud”

Castellabate diventa cornice del nuovo film di Luca Miniero: “Benvenuti Al Sud”

di Giuseppe Galato

Luca Miniero sceglie Castellabate (il cui centro storico è patrimonio Mondiale dell’Unesco e il litorale bandiera blu) come location per il suo nuovo film, "Benvenuti Al Sud", sorta di remake (più che un remake vero e proprio una reinterpretazione) del francese "Giù Al Nord", di Dany Boon.

”Abbiamo voluto qui il film – dice Maurizio Gemma, direttore della Film Commission regione Campania – non solo per i vantaggi turistici ma anche perché racconta un Sud in cui si vive e lavora bene”.

Al contrario della storia originale, che vedeva il protagonista spostarsi dal ricco Sud francese all’apparentemente inospitale Nord, qui ci ritroviamo di fronte all’esatto contrario, per ovvi motivi di contestualizzazione all’interno di uno scenario differente, e cioè quello italiano.

"Il mio personaggio è un leghista ante litteram, che si trova a confronto con i propri pregiudizi. È come un incontro tra marziani” afferma Claudio Bisio, protagonista della pellicola al fianco di Alessandro Siani, Angela Finocchiaro e Valentina Lodovini.

La storia narra le vicendedi Alberto (Bisio), responsabile di un ufficio postale in Brianza, il quale viene spedito nel Sud del Cilento per punizione e che, tra gag che si incrociano con le paure del vivere a contatto con la camorra e con le altre problematiche legate al territorio Campano, imparerà a lasciare da parte i propri pregiudizi verso un Sud troppe volte demonizzato.

”La Campania è massacrata dai problemi che ha – dice Alessandro Siani – ma anche dal ritratto che ne fanno i media. Non ci crederete ma a me che sono napoletano in 34 anni non è mai capitato di essere scippato nella mia città. Un film che gioca sugli stereotipi e stempera la situazione ci voleva”.

L’uscita del film è prevista per Ottobre 2010.

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019