• Home
  • Vivere il Cilento
  • Presepe Vivente, domani sera ultimo atto nel borgo storico con l’arrivo dei Re Magi

Presepe Vivente, domani sera ultimo atto nel borgo storico con l’arrivo dei Re Magi

di Federico Martino

 

Ultimo atto domani sera, 5 gennaio, per la rappresentazione del presepe vivente dal titolo “Il Presepe in Musica…e dalla pietra emerse un canto”, organizzato dall’associazione Andromeda in collaborazione con il Comune di Agropoli. A partire dalle ore 19.30, nei pressi della Porta Saracena, l’inizio dei percorsi nei vicoli e luoghi più caratteristici del borgo medievale agropolese, alla scoperta delle scene della rappresentazione presepiale. Alle ore 22 è previsto il classico arrivo dei Re Magi alla capanna di Gesù Bambino nei pressi della Chiesa dei SS. Pietro e Paolo. “Il Presepe  in musica” è un percorso presepiale in forma di teatro-musica scritto da Maria Esposito e Gianfranco Marra, con la rappresentazione della cultura etnomusicale del Cilento (scene di vita quotidiana, filastrocche ludiche, danze popolari e racconti) e la cultura materiale (antichi mestieri con utensili della civiltà contadina). Ad essere rappresentata, la parte classica evocativa della Natività, attraverso voci in scena e fuori campo e con riferimenti simbolici, con la partecipazione di musici della tradizione, che colorano i vicoletti del centro storico con variegate performances vocali, strumentali e gestuali, coinvolgendo gli spettatori in un contesto di spazio-suono, ideale per una rivisitazione magica dei meravigliosi angoli paesistici del Borgo Antico di Agropoli.
Tra i protagonisti Paola Salurso, Gaia Bassi, Giovanna Caroccia, Ermanno Pastore, Antonino Cantalupo, gli artisti de “La Compagnia del Sorriso”, e le comparse con cittadini del centro storico. I costumi sono a cura dell’associazione Amici del Centro Storico (che hanno curato anche gli allestimenti scenici) e del Gruppo La Compagnia del Sorriso. Coordinatore è Angelo Stasi.

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019