RUMOR, esperienze artistiche legate al rumore con diverse modalità

di Federico Martino

La parola latina rumor indica, nella comunicazione pubblica prevalentemente economica ma anche politica e culturale, una notizia, presumibilmente vera, che circola senza però essere stata confermata o resa evidente. Equivalenti italiani del termine possono essere le parole indiscrezione o pettegolezzo_ Wikipedia
Noi invece proprio al rumore, al suono, vogliamo riferirci, qui nel luogo del silenzio, nel sito della sua mancanza quasi assoluta.
E’ questa la prima cosa di cui si accorge con  meraviglia  il “viaggiatore” : questo è il luogo dell’assenza del rumore, finalmente.
Si,  finalmente,  da soggetti passivi del disturbo  metropolitano,  possiamo divenire soggetti attivi che tendono l’orecchio a frugare nel sibilo del  vento, nelle voci lontane, nei passi tra i vicoli.
Dal rumore al suono, dal sentire all’ascoltare e oltre ancora.
E via allora alla vibrazione,  allo scricchiolio,  alla nota gridata dalle finestre verso la vallata intera, ai pixel impazziti,  al colore fatto suono,  alla musica,  ai 4’33’’,  e via allora.
E’ il tempo della riflessione
E’ il tempo della percezione del minimo
Il silenzio come attesa del suono



programma:
19 luglio  h 19.00
opening + performance di gianluca codeghini e lasantabarbara

9/10/11 luglio  h 19.00-20.00
 interventi- 1,2 e 3
 con il contributo di Spazio Labò

30/31 luglio e 1 agosto   h 19.00-20.00
interventi- 4,5 e 6

13/14/15 agosto   h 19.00-20.00
interventi- 7,8 e 9

18 settembre  h 19.00
finissage

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019