Prima edizione del premio artistico “Joe Petrosino”

di Federico Martino

Nato a Padula, in provincia di Salerno, il 30 agosto 1860, di famiglia modesta, non povera: con il suo lavoro di sarto, il padre era riuscito a far studiare i suoi quattro figli maschi; emigrò con la famiglia a New York nel 1873 e crebbe nell’ambiente di Little Italy. Il piccolo Giuseppe per vivere si era messo a vendere giornali, a lucidar scarpe e a studiare la lingua inglese. Nel 1877, Joe (come ormai si chiamava) prese la cittadinanza americana, facendosi assumere l’anno dopo come spazzino dall’amministrazione newyorkese. Dipendente, come spazzino, dal Dipartimento di polizia, Petrosino era stato poi impiegato come informatore; nel 1883, non senza difficoltà, era stato ammesso alla polizia. Faceva un certo effetto vedere quell’uomo basso e atticciato (non superava il metro e sessanta), tra i giganteschi poliziotti irlandesi. Nel 1905 gli era stata affidata l’organizzazione d’una squadra di poliziotti italiani, l’Italian Branch, e ciò aveva reso più proficua ed efficace la sua lotta senza quartiere contro la Mano Nera. E proprio seguendo una pista che avrebbe dovuto portarlo ad infliggere, forse, un decisivo colpo alla Mano Nera, Petrosino era giunto in Italia.
Alle 20.45 di venerdì, 12 marzo 1909, tre colpi di pistola in rapida successione, e un quarto sparato subito dopo, suscitano il panico nella piccola folla che attende il tram a capolinea di piazza Marina a Palermo. Il console americano a Palermo telegrafa al suo governo: "Petrosino ucciso a revolverate nel centro della città questa sera. Gli assassini sconosciuti. Muore un martire"

Presso il Teatro dell’Oratorio San Giovanni Bosco di Teggiano, sabato 30 gennaio 2010, alle ore 10,00, si terrà la prima edizione del premio artistico "JOE PETROSINO".
Modera il giornalista Rocco Colombo Durante la cerimonia verranno consegnati attestati di merito a coloro che hanno collaborato a commemorare il Centenario della morte di Joe Petrosino (1909-2009) con una qualunque forma di espressione artistica. Tra gli altri:
–     Studenti del Liceo Artistico P.Leto di Teggiano coordinati dal prof. Germano Torresi
–     Artisti della Scuola "Nuovo Rinascimento"  coordinati da Nico Valerio
–     Componenti dell’Associazione Musicaldianum coordinati da Maria Gabriella Macini Fazio
–     Gruppo folcloristico Terra Nostra di Padula.

Saranno presenti inoltre:

Avv. Adriano Bellacosa, assessore al patrimonio e alla legalità della Provincia di Salerno
Dott. Michele Di Candia, sindaco di Teggiano
Dott. Giovanni Alliegro, sindaco di Padula
Mons. Angelo Spinillo, vescovo della Diocesi di Teggiano Policastro
Prof. Giovanni Giammetti, dirigente Scolastico I.I.S. "P.Leto" Liceo Artistico – Teggiano
Rag. Claudio Pozzi, Presidente Associazione Internazionale "Joe Petrosino"                                                        Des. Giovanni Cancellaro, Vicepresidente Associazione Internazionale "Joe Petrosino"
Geom. Nino Melito Petrosino, Pronipote di Joe Petrosino

Allieteranno l’incontro:
–      Proiezione di filmati e diapositive su Joe Petrosino
–     Esibizioni di danza e musica

 

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019