Offerta 2023

“Sagra del fusillo felittese”, dal 14 al 25 Agosto

| di
“Sagra del fusillo felittese”, dal 14 al 25 Agosto

Sono ormai trascorsi 37 anni, da quando per la prima volta è stata proposta la sagra del fusillo a Felitto, paese dell’entroterra cilentano situato sullo scenografico paesaggio che fa da cornice alle “Gole del Calore”.
Ed è questa, una delle manifestazioni gastronomiche più “antiche” e rinomate dell’intero comprensorio.
Dal sito della Pro Loco di Felitto (http://www.prolocofelitto.it/) leggiamo:
Scorre lento il Fiume Calore, mentre abbraccia le sue Gole, sulla collina ridente si estende un antico paese con un alto castello: è Felitto nel Cilento che ci presenta con grande energia le sue bellezze, la sua storia, i sapori unici da gustare tramandati da secoli vari. La Pro Loco ci ripresenta la “Sagra del Fusillo Felittese” dal 14 al 25 Agosto nella piazza del paese. Il protagonista indiscusso e prelibato, è sempre lui, il “Fusillo Felittese”, piatto tipico da secoli tramandato e da madre in figlia, amato e gustato. Questo piatto della tradizione culinaria locale con grande amore è preparato, richiede ingredienti semplici e naturali e con un apposito e sottile ferro, a mano, viene lavorato. La prima edizione di questa sagra risale al lontano 1976 e da allora di anno in anno il Fusillo sulle tavole regale come un principe rimane, parla al palato, squisito assai, e dona a tutti una rara bontà. Il Fusillo, anche quest’anno a pranzo e a cena ci delizia con il ragù di castrato e di vitello, con un brindisi di vino locale e con altre specialità del posto come: antipasto, carne alla brace, salsiccia di cinghiale, trote e timido e poverello si presenta anche il “ciaulieddo”. Ad allietare le serate felittesi ci saranno: spettacoli, convegni, musica e cultura, mostre fotografiche, mostre di pittura del prof. Suriano e dell’artista Rita Corrente. Venire a Felitto, visitare le Gole, il centro storico, il Museo della Civiltà Contadina, gustare il fusillo ed altri piatti locali, brindare con vino del posto non ha prezzo, ma ha un immenso valore per la mente, per il corpo e il cuore. Un’occasione da non perdere per chi voglia accontentare lo sguardo rivolto alle bellezze naturali, per chi voglia ascoltare il suono dolce e melodioso del fiume che scorre lento, per chi voglia riscoprire le antiche tradizioni e deliziare il palato che è ormai stanco di piatti già pronti e confezionati. Quest’anno la Sagra vede protagonisti un nuovo gruppo e il neo-eletto Presidente Angelo Vilardi, un giovane felittese di 28 anni, che sente forte il legame con la sua terra e vuole valorizzare i prodotti locali e i sapori antichi e come Angelo dice: – ”Mangiare sano, guardare lontano, vivere felici tra piatti e natura è questa una grande fortuna. Per chi la mente vuole ossigenare e il palato deliziare nel Cilento, a Felitto, deve arrivare”.

©



©Riproduzione riservata
×